2018
03.07

2018.07.03

Columbia University: il Campus di luce, senza muri, aperto alla città.


Il layout è disegnato da elementi di partizione vetrati di UniFor.

Columbia University: il Campus di luce, senza muri, aperto alla città.

“Qui, tra la vecchia fabbrica d’auto Packard e una pionieristica centrale del latte col primo impianto di pastorizzazione e una facciata tutta di maioliche bianche, il problema era recuperare un tessuto industriale deteriorato inserendo un campus universitario – ha raccontato Piano. Un’accademia senza muri nè cancelli: accessibile ai visitatori e con molti programmi culturali aperti a chi vive nel quartiere.”

E Campus fu, un edificio-manifesto che avrà un ufficio speciale, quello di Barack Obama.

Il rinnovamento della Columbia lanciato dal Presidente Lee Bollinger– insiste su una superficie che supera i 130 mila metri quadrati e si inserisce in un maxi programma che punta a rivoluzionare i circa sette ettari di West Harlem che da qui si estendono fino alle rive dell’Hudson, e vedono coinvolti grandi nomi dell’architettura contemporanea.

Il Campus che accoglie anche i laboratori e gli uffici del Jerome L. Greene Science Center - progetto architettonico e d’interni Renzo Piano Building Workshop in collaborazione con Davis Brody Bond, Body-Lawson Associates - ha una connotazione fortemente urbana e manifatturiera, una sorta di fabbrica condivisa delle conoscenze, in vetro e acciaio, con una galleria multimediale, spazi espositivi e per conferenze, un teatro. Un edificio diviso in quattro quadranti che si fa lanterna, faro di progettualità e conoscenza, aperto, accessibile, multiculturale e multifunzionale.

Concepito per l’interazione, la condivisione e la collaborazione tra docenti, studiosi e studenti, il layout è disegnato da elementi di partizione vetrati che suddividono le grandi sale riunioni e gli spazi interattivi affacciati sull’area centrale, gli uffici, le zone operative e i laboratori di ricerca posizionati nelle fasce perimetrali.

L’elemento identitario è la Parete RP design RPBW a tutta altezza prodotta da UniFor– oltre 1500 metri lineari - in alluminio anodizzato naturale, con diverse finiture, vetri singoli o doppi, fonoisolanti, con o senza sopraluce, utilizzata con grande virtuosismo funzionale e progettuale. La connotazione tecnologica dell’edificio e l’attenzione alla sostenibilità sono alla base della certificazione LEED Platinum.

2021
01.02
"Executive Office", nuova installazione di Ron Gilad per UniFor

2021.02.01

"Executive Office", nuova installazione di Ron Gilad per UniFor

Lo showroom UniFor di New York ospita una nuova installazione di Ron Gilad. Un tavolo e una libreria della serie Naòs, di Pierluigi Cerri, poltrone Elementaire di Jean Nouvel Design ed una grande schermo, che mostra Roma in tutta la sua bellezza, sono gli elementi utilizzati per questa installazione dal titolo "Executive Office".

2020
18.11
Il Gruppo Molteni arreda la nuova sede WBSC

2020.11.18

Il Gruppo Molteni arreda la nuova sede WBSC

Il progetto di WBSC nasce da una sfida formale e sensoriale che vede come principale obiettivo quello di sintetizzare in un tangibile unico gesto architettonico la storia di questo sport e la sua propensione al futuro. La nuova sede è situata all'interno di un edificio storico ubicato in Avenue General Guisan e domina il lago Lemano di Losanna.

2020
01.10
UniFor presenta Decor&Decorum: una conversazione con Tobia Scarpa

2020.10.01

UniFor presenta Decor&Decorum: una conversazione con Tobia Scarpa

L'architetto Tobia Scarpa accompagna gli ospiti in un viaggio tra schizzi, aneddoti ed immagini di uno dei periodi più magici della storia del design.