2017
18.04

2017.04.18

Fondazione Giangiacomo Feltrinelli


Dieci anni – tra ideazione, progettazione e realizzazione – sono stati necessari per arrivare a questo volume traslato che accompagna la complessità dello sguardo, sfida la prospettiva, costringe a una percezione disassata.

Fondazione Giangiacomo Feltrinelli

Dieci anni – tra ideazione, progettazione e realizzazione – sono stati necessari per arrivare a questo volume traslato che accompagna la complessità dello sguardo, sfida la prospettiva, costringe a una percezione disassata. Niente di rotondo nella lunga stecca, una lama trasparente unitaria ma separata – un respiro nella sequenza, e poi di nuovo emergenze, sbalzi, spigoli. Luogo ideale della conoscenza della relazione e della cittadinanza, e davvero l’architettura non poteva essere più coerente con lo spirito del tempo, con la storia e la vocazione della casa editrice e il ruolo che la Fondazione è chiamata a interpretare nel common ground delle culture, nella più internazionale delle città italiane, tra le più belle e dinamiche del continente europeo. Un’architettura manifesto, un segno segnale, un’antenna che capta e rilascia nel paesaggio dell’innovazione e dei significati, e si irradia su Milano. Icona di quel paesaggio intelligente che ha dato vita a un’infrastruttura della conoscenza multiculturale come driver dello sviluppo, a una rete di istituzioni pubbliche e private dinamiche e progettuali, e a un’ideale promenade architecturale che si snoda tra le riqualificazioni di Milano Garibaldi e Porta Nuova, gli edifici terziari e residenziali delle archistar e arriva all’area di Largo Isarco, al cuore di una mappa che ridisegna il camminare nello spazio pubblico prima ancora che il suo skyline. 

È la Milano accogliente e aperta alla cultura contemporanea in ogni sua espressione. Fondazione Feltrinelli si sviluppa su cinque piani con reception, libreria e caffetteria, aree polifunzionali, uffici, sale riunioni e spazi di coproduzione, sala di lettura e aula didattica, con il piano interrato dedicato al materiale di archivio – uno stock imponente con oltre 270 mila volumi, 17500 collezioni periodiche, 1 milione e mezzo di documenti manoscritti. L’intervento di riqualificazione dell’area di Porta Volta prevede un’ampia area verde pubblica con luoghi di socialità, piste ciclabili e percorsi pedonali come estensione e prolungamento dei viali – in coerenza con l’essenzialità del progetto ma in scala con le strutture architettoniche che caratterizzano il paesaggio storico milanese – dall’Ospedale Maggiore alla Rotonda della Besana, dal Lazzaretto al Castello Sforzesco. Lungo il tracciato delle Mura Spagnole che definivano i confini della città, sul filo dei Bastioni che ne segnarono l’estensione. È il ricordo e la citazione delle matrici insieme all’incessante necessità di aumentarle. Per non smettere di concepire, in ogni tempo, lo spazio pubblico contemporaneo.

2021
01.02
"Executive Office", nuova installazione di Ron Gilad per UniFor

2021.02.01

"Executive Office", nuova installazione di Ron Gilad per UniFor

Lo showroom UniFor di New York ospita una nuova installazione di Ron Gilad. Un tavolo e una libreria della serie Naòs, di Pierluigi Cerri, poltrone Elementaire di Jean Nouvel Design ed una grande schermo, che mostra Roma in tutta la sua bellezza, sono gli elementi utilizzati per questa installazione dal titolo "Executive Office".

2020
18.11
Il Gruppo Molteni arreda la nuova sede WBSC

2020.11.18

Il Gruppo Molteni arreda la nuova sede WBSC

Il progetto di WBSC nasce da una sfida formale e sensoriale che vede come principale obiettivo quello di sintetizzare in un tangibile unico gesto architettonico la storia di questo sport e la sua propensione al futuro. La nuova sede è situata all'interno di un edificio storico ubicato in Avenue General Guisan e domina il lago Lemano di Losanna.

2020
01.10
UniFor presenta Decor&Decorum: una conversazione con Tobia Scarpa

2020.10.01

UniFor presenta Decor&Decorum: una conversazione con Tobia Scarpa

L'architetto Tobia Scarpa accompagna gli ospiti in un viaggio tra schizzi, aneddoti ed immagini di uno dei periodi più magici della storia del design.