2017
28.06

2017.06.28

Headquarter TwinSet


Citterio e Molteni&C arredano la sede di Twin Set - Simona Barbieri a Carpi.

Headquarter TwinSet

Tra gli indizi che raccontano la metamorfosi italiana e la trasformazione del paesaggio ci sono le architetture industriali – laboratori progettuali sfidanti, tra questioni funzionali, sostenibilità e rappresentazione efficace della dimensione corporate. Location privilegiate nei nowhere, accanto ai nodi infrastrutturali e alle direttrici strategiche della mobilità – autostrade, superstrade, stazioni dell’alta velocità. Storie che hanno fatto storia: il Kilometro Rosso sull’A4, Sergio Rossi e Technogym sull’A14, Max Mara accanto al ponte di Calatrava e Chiesi sull’A1, Salewa sull’A22, Prada sulla strada regionale 69 del Valdarno. È una mappa di specializzazioni produttive, che racconta processi di creazione del valore, e modelli di sviluppo di un’Italia dinamica che crede alla qualità architettonica e scommette sulla qualità dei prodotti che piacciono al mondo.

L’A22 è una direttrice simbolo per le storie d’impresa e la connessione con l’Europa; Carpi è la maglieria; la magliaia è una figura archetipica del capitalismo molecolare italiano del boom economico. TwinSet – Simona Barbieri è una bella storia italiana iniziata nei primi anni ’90 – dapprima maglieria, ca va sans dire, da tempo ormai total look. Il nuovo headquarters, che si affaccia sull’A22 – progetto BP Architects – di notte è una tastiera luminosa, un’astronave con tre livelli di vetrate aggettanti, modulate da pale frangisole in rame, che avvolgono l’intera sagoma dell’edificio e conferiscono dinamismo e plasticità al volume. Ed è anche un intelligente recycle del classico scatolone in calcestruzzo anni ’70, con demolizioni e ricostruzioni, opere di miglioramento sismico e copertura a shed su cui sono installati pannelli fotovoltaici che coprono oltre il 70% del fabbisogno energetico del fabbricato. Un edificio virtuoso per la sostenibilità ambientale e l’efficienza energetica, con soluzioni tecnologiche innovative, l’organizzazione funzionale della viabilità interna. Negli oltre

15.000 metri quadrati del complesso direzionale, sono ospitati gli uffici amministrativi e commerciali, creativi e stile, lo showroom con area sfilate, le sale di prototipazione, set fotografico e raccolta campionature, la mensa e un’area fitness. Gli ambienti bianchissimi con arredi Citterio di assoluto rigore formale sono un continuo contrappunto tra pavimenti in legno naturale, pareti vetrate a tutta altezza, postazioni operative essenziali ed efficienti. Non mancano zone più spettacolari: al secondo piano, dopo avere percorso una sinuosa scala elicoidale che si impone nello spazio, l’accesso è alle aree di rappresentanza con terrazza per eventi schermata dalla facciata continua. In quella zona – riservata e raccolta – sale riunioni e spazi dedicati alle attività del CdA. Con affacci sull’A22 del Brennero.

2021
01.02
"Executive Office", nuova installazione di Ron Gilad per UniFor

2021.02.01

"Executive Office", nuova installazione di Ron Gilad per UniFor

Lo showroom UniFor di New York ospita una nuova installazione di Ron Gilad. Un tavolo e una libreria della serie Naòs, di Pierluigi Cerri, poltrone Elementaire di Jean Nouvel Design ed una grande schermo, che mostra Roma in tutta la sua bellezza, sono gli elementi utilizzati per questa installazione dal titolo "Executive Office".

2020
18.11
Il Gruppo Molteni arreda la nuova sede WBSC

2020.11.18

Il Gruppo Molteni arreda la nuova sede WBSC

Il progetto di WBSC nasce da una sfida formale e sensoriale che vede come principale obiettivo quello di sintetizzare in un tangibile unico gesto architettonico la storia di questo sport e la sua propensione al futuro. La nuova sede è situata all'interno di un edificio storico ubicato in Avenue General Guisan e domina il lago Lemano di Losanna.

2020
01.10
UniFor presenta Decor&Decorum: una conversazione con Tobia Scarpa

2020.10.01

UniFor presenta Decor&Decorum: una conversazione con Tobia Scarpa

L'architetto Tobia Scarpa accompagna gli ospiti in un viaggio tra schizzi, aneddoti ed immagini di uno dei periodi più magici della storia del design.