2018
13.06

2018.06.13

La vetta d’Italia a CityLife


UniFor arreda 2500 postazioni operative e i 45 uffici direzionali della Torre Allianz di Milano.

La vetta d’Italia a CityLife

Un’architettura di classe firmata Arata Isozaki&Associates con Andrea Maffei Architects; un capolavoro di ingegneria che entrerà nei manuali. La Torre Allianz - progetto d’interni Allianz Loredana Francia, DEGW, Eva Birch, Marco Amosso sede milanese dell’omonimo gruppo assicurativo tedesco, si erge al centro dell’area CityLife e contribuisce in modo determinante a definire il nuovo skyline urbano della città.

Il materassone nell’affettuosa definizione dei milanesi - 26.000 m2 di facciate in curtain wall, composte da 4.500 moduli convessi con cellule strutturali a triplo vetro, deformazione geometrica ottenuta con cold bending - con i suoi 209 metri di altezza, è la vetta d’Italia. Salire su uno dei 14 velocissimi ascensori, posizionati in modo simmetrico sui lati corti, velocità di punta 7m/s, è un’esperienza analoga all’accelerazione del decollo, e la vista da là è pura contemplazione. Sulla pianta rettangolare di 24×60 m, poggiano 55 piani, 5 dei quali interrati con sotto 62 pali profondi 31 m. e un sistema di ingegnerizzazione del processo costruttivo che ha utilizzato sistemi a casseri autorampanti. Il dialogo tra grande architettura e grande ingegneria ha prodotto paper e studi specifici, test e verifiche sofisticate - tra questi lo studio del vento condotto in Canada e nei laboratori del Politecnico di Milano da cui è emerso che lo spostamento complessivo verificabile al 50° piano sarebbe stato pari a 100 cm, e così il team progettuale ha deciso di introdurre 4 imponenti contrafforti tubolari in acciaio, calandrati, lunghi circa 60 m sul fronte principale e 40 m sul retro. Sono i 4 puntoni color oro – un segno iconico dello skyscraper milanese - incernierati alla base, e installati dentro una precisa bucatura prestabilita, con un possibile scarto di 2,5 cm per lato. Alta gioielleria.

L’edificio si caratterizza per la forma snella, rarefatta, e per la leggerezza formale accentuata dalla pianta rettangolare stretta e lunga che concentra le zone di distribuzione e collegamento verticale alle estremità, in corrispondenza degli sbarchi degli ascensori, e lascia completamente libera la parte centrale compresa tra le due facciate. Le postazioni di lavoro – allineate alle vetrate - sfruttano al meglio la luce naturale e disegnano uno spazio operativo razionale e confortevole, mentre al centro, gli elementi di partizione vetrati e schermati con morbide sfumature definiscono gli uffici direzionali e gli spazi protetti per meeting e incontri.

Per le 2500 postazioni operative, 45 uffici direzionali, disegnano uno spazio confortevole razionale e con prodotti di serie UniFor – iSatelliti, Nàos System, e la Parete AP che, con i suoi 10.000 mq di estensione definisce identità e stile degli uffici.

La Torre Allianz ha ottenuto la certificazione ambientale LEED di livello Gold.

2019
09.08
august, il Progetto Contract Molteni&C di Vincent Van Duysen Architects

2019.08.09

august, il Progetto Contract Molteni&C di Vincent Van Duysen Architects

Vincent Van Duysen Architects trasformano un ospedale militare del XIX secolo in august, una oasi urbana comprensiva di hotel, bar, centro benessere e giardini situata nella vivace cittadina belga di Anversa.

2019
01.08
Quirinale Contemporaneo, Molteni&C protagonista del progetto

2019.08.01

Quirinale Contemporaneo, Molteni&C protagonista del progetto

Il Quirinale, la casa degli Italiani apre le porte alle creazioni dei maestri della pittura e della scultura contemporanei e al genio creativo dei grandi protagonisti del design degli ultimi decenni. Oltre 70 opere si aggiungono, ai capolavori del patrimonio storico che abbellisce le sale e gli spazi del palazzo.  

2019
24.07
UniFor | Lights on Smart Working

2019.07.24

UniFor | Lights on Smart Working

Una nuova installazione curata da Ron Gilad e con protagonista Touch Down Unit per le vetrine dello Showroom UniFor di Milano, in Corso Matteotti 14.Lo storico flagship store, progettato nel 1989 da Afra e Tobia Scarpa, continua ad essere e si conferma ancora una volta il migliore spazio dove esporre le ultime novità sotto forme di “piccole architetture”.